Sanità Sardegna. Agus: sos borsa studio 150 medici specializzandi

3' di lettura 28/06/2021 - (DIRE) Cagliari, 28 giu. - "La guerra interna alla maggioranza si ripercuote sui giovani sardi che studiano medicina. I ritardi nell'approvazione della manovra finanziaria, rischiano concretamente di penalizzare 150 universitari, che non riusciranno ad accedere alle borse di specializzazione".

Così Francesco Agus, capogruppo dei Progressisti, all'attacco del centrodestra sulla variazione di bilancio, che stenta ad approdare in aula. "Nel 2020 il Consiglio regionale, pochi giorni prima dell'inizio della pandemia, era stato capace di approvare una legge per stanziare 5 milioni destinate alle borse di specializzazione riservate ai giovani medici sardi- ricorda Agus-. Della serie, anche un orologio rotto due volte al giorno segna l'ora esatta. Soldi ben spesi che hanno consentito ad oltre 200 sardi di perseguire la formazione ed essere di grande aiuto anche in questi mesi complicati per la sanità isolana".

Insieme alla legge istitutiva dei nuovi contratti, "il Consiglio aveva approvato anche un ordine del giorno unitario che vincolava al rifinanziamento anche per il 2021 dello stesso numero di borse di specializzazione. Duecento borse anche quest'anno, in teoria". Per concretizzare la promessa "era necessario un ultimo sforzo: l'approvazione del bilancio 2021 e lo stanziamento di nuovi fondi- prosegue Agus-. Ma in questi mesi la maggioranza non è stata capace di approvare la manovra finanziaria. Nel mese di marzo è passato solo un testo 'tecnico' preparato dagli uffici e privo di stanziamenti fondamentali. La variazione di bilancio era attesa nel mese di aprile. Ma la maggioranza stava pensando ad approvare il dl 107 'poltronificio'".

Poi era prevista per maggio, "ma la discussione sulle nuove nomine era troppo appassionante e non si è trovato il tempo di pensare ad altro- attacca il capogruppo-. Infine era stata promessa per giugno, però da quel momento i partiti del centrodestra hanno iniziato a litigare e da allora tutto è fermo.
Il mese è quasi terminato e la variazione di bilancio promessa non è nemmeno arrivata in giunta".

Nel mentre, "è scaduto il termine per gli accreditamenti delle scuole di specializzazione- spiega il consigliere di opposizione-. Il test d'ingresso alle scuole di specializzazione è previsto per il 20 luglio ed è facile pensare che entro quella data l'assestamento non sarà approvato in aula. In definitiva, la rissa continua per la spartizione del potere tra gli alleati di Solinas miete continuamente vittime". Quelle di oggi sono 150 giovani medici sardi "che in questi giorni si stanno preparando per superare i test d'ingresso e che non riusciranno a entrare nelle scuole di specializzazione. Professionisti che tra quattro anni sarebbero state al servizio dei nostri ospedali in perenne crisi di personale e che invece, insieme alle comunità sarde, dovranno aspettare". I partiti che sostengono il presidente Solinas, conclude, "sono così impegnati a litigare per nomine e potere da non essersi resi conto che fuori dalla stanza dei bottoni c'è un'isola al tracollo. Che continua a buttare al vento le sue occasioni e a sbagliare gol a porta vuota. Anche quando si tratta del semplice rifinanziamento di politiche sulle quali siano tutti d'accordo".
(Api/ Dire)






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 28-06-2021 alle 12:15 sul giornale del 29 giugno 2021 - 120 letture

In questo articolo si parla di attualità, agenzia dire

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b88Z





logoEV