Alfredo Cospito, istanza revoca 41 bis: termini risposta Nordio entro metà febbraio

2' di lettura 30/01/2023 - (Adnkronos) - Scade il 12 febbraio il termine per la risposta del ministro della Giustizia Carlo Nordio all’istanza di revoca del 41 bis presentata dalla difesa dell'anarchico Alfredo Cospito, detenuto nel carcere di Sassari e in sciopero della fame da oltre cento giorni.

Il ‘carcere duro’ era stato disposto dall’ex ministra Cartabia il 4 maggio 2022 sulla base di presunte connessioni fra "due realtà associative in stretta connessione con Cospito". In caso di mancata risposta da Via Arenula entro i termini, il ricorso sarà considerato respinto. Il difensore di Cospito, Flavio Rossi Albertini, nell’istanza al ministro Nordio, evidenza "fatti nuovi, non sottoposti alla cognizione del Tribunale di Sorveglianza di Roma", che aveva respinto nelle scorse settimane un reclamo della difesa. In particolare si fa riferimento alle motivazioni della sentenza della Corte di Assise di Roma nel processo nato dall’operazione ‘Byalistok’, "con cui erano stati assolti gli imputati dall’accusa di associazione con finalità di terrorismo" disponendo condanne per altre fattispecie di reati minori.

Per il difensore, le motivazioni della sentenza, depositata il 13 dicembre, ma di cui la difesa "ha avuto contezza nei primi giorni di gennaio", "escludono l'esistenza, presso il centro sociale Bencivenga (a Roma in via Nomentana, ndr.), di una cellula presuntivamente ritenuta affiliata alla ‘Fai’ (Federazione anarchica informale) proprio per i legami e i confronti epistolari intrattenuti tra gli imputati e Cospito, nonché che Cospito voglia manipolare la personalità" di uno degli imputati "e/o strumentalizzare il giovane anarchico facendone veicolo all'esterno della propria posizione politica, e assumono una valenza scardinante del requisito della perduranza della compagine associativa di appartenenza di Cospito, proprio nella misura in cui la tesi accusatoria posta a fondamento del procedimento penale de quo costituiva il principale elemento enfatizzato a tal fine nel decreto ministeriale". Sull’istanza di revoca del 41 bis disposto per quattro anni nei confronti dell’anarchico è atteso nei prossimi giorni il parere della Dna (Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo) al ministro della Giustizia Carlo Nordio.

A quanto si apprende sul punto si sono svolti incontri che hanno coinvolto anche le autorità giudiziarie che si sono occupate di vicende relative all’anarchico. Oltre all’istanza di revoca su cui è chiamato a esprimersi il Guardasigilli, il difensore ha presentato un ricorso anche per Cassazione, con udienza fissata in camera di consiglio il 7 marzo, contro l’ordinanza del tribunale di Sorveglianza di Roma, competente per il 41 bis.






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 30-01-2023 alle 19:07 sul giornale del 31 gennaio 2023 - 48 letture

In questo articolo si parla di attualità, adnkronos

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dPXE





logoEV
qrcode